Giarratana

'Prison break', indagati a Noto

La Guardia di finanza di Siracusa ha notificato un avviso di conclusione indagine nei confronti di sette persone, tra cui un dirigente del Comune di Noto e il ragioniere contabile della casa di reclusione di Noto, accusate a vario titolo di peculato, abuso d'ufficio e falso in atto pubblico. Le indagini, che hanno portato all'operazione "Prison break", sono scattate nel 2015 con il sequestro di un'area di 3 mila 600 mq destinata a parcheggio nelle adiacenze del centro storico di Noto, per violazioni edilizie e di tutela del patrimonio storico. Gli uomini della Tenenza di Noto, coordinati dal capitano Federico Vanni, hanno scoperto che Giuseppe Favaccio, dirigente del settore lavori pubblici, aveva affidato, senza rispettare le norme previste dal codice dei contratti pubblici, un incarico a un professionista per lo svolgimento dei lavori di riqualificazione della villa comunale, adiacente al parcheggio sottoposto a sequestro.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie